#TrendAlert Animalier

Maculato, zebrato, striato. L’animalier ha tante skin, ma tutte sensuali e irriverenti. Dalla passerella al look quotidiano: ecco i suggerimenti di stile per renderlo portabile anche in città.

Di per sé gode di un fascino esotico: alcune donne di culture extra europee indossano proprio le pelli come indumenti e mantelli. Regine del Cuore nero, ammalianti principesse che si circondano e si vestono di pellami animalier.

In Occidente si omaggia molto questo mondo fascinoso e un po’ misterioso. C’è infatti chi si considera, come Roberto Cavalli, “il Re dell’animalier”: non c’è sfilata in cui non esibisca una stampa maculata o zebrata. Le sue donne sono accattivanti e sensuali, selvaggiamente maliziose. Ma a cedere a questo fascino anche brand più composti, come Burberry Prorsum, che optano per lo più per dettagli in stampa animale.

Per l’autunno/inverno 2015/2016 non si eccede con total look animalier, ma si cede. Sono i dettagli, un accessorio o un capo, a fare la differenza. In questo modo si rendono portabili anche le texture più selvagge e forti.

Che cosa comprare?

Il vestito: sicuramente è il capo che passa in primo piano, diventa il focus del vostro look. Non richiede grandi sforzi di abbinamenti, perché basterà puntare sul total black: tutto… tranne il vestito!

Il soprabito: è diventato un capospalla indispensabile per la mezza stagione, perché né troppo pesante né troppo leggero. E, per affrontare i primi freddi, si può sempre ricorrere a un piumino super light, da indossare tra abito e soprabito. La versione maculata o zebrata, però, richiede creatività nell'outfit. Giocare con i colori è il modo giusto per creare un look essenzialmente bon ton ma d’avanguardia. Un esempio? Soprabito animalier e gonna fluo, oppure cardigan rosso e camicia color confetto.

La borsa. Sceglietela dalla forma un po’ vintage, come una doctor bag o una classica handbag. Il fascino retrò saprà conquistare anche la più scettica delle donne in fatto di animalier. Noi consigliamo di abbinarla a un paio di guanti lunghi. Molto chic! Se invece amate gli anni 70, meglio secchiello e tante (divertenti) frange. 

CREDITS&IMAGES
©Pinterest

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese