4 vestiti che indosseremo quest'inverno

I vestiti che saranno di moda la prossima stagione ma che possiamo già portare a fine estate.

Courtney Carver sostiene che il guardaroba di una donna sia composto da soli 33 capi essenziali, riducendo la tentazione di fare shopping, così come di accumulare capi considerati inutili.

Lei stessa è promotrice di un movimento che vuole sconfiggere l'insano accumulo di capi. Noi, però, siamo convinte che esista una via di mezzo che permette di avere capi must have, che sono perfetti al di là delle stagioni e per questo rimangono capi saldi per ogni donna, senza però ridurre troppo la creatività. Va bene essere basici... ma non esageriamo. 

Così abbiamo deciso di mapparvi quattro abiti che sicuramente indosseremo il prossimo inverno ma che potremmo già comprare ora, perché ideali anche per fine estate. Insomma una mini guida per evitare acquisti compulsivi, senza rinunciare alle ultime tendenze moda:

- l'abito rosso di pizzo: perfetto per più occasioni, si può smorzare con un biker jacket di pelle per la quotidianità, mentre risulta essere un passepartout per qualsiasi cena: di lavoro, con le amiche o il fidanzato.
- lo stretch dress: abbiamo parlato di come siano tornati gli anni '90. Dopo lo slip dress (che vede già il suo tramonto) la moda suggerisce l'abito di maglia stretch, super aderente e anche un po' sporty, grazie alla zip. 
- l'abito floreale: non c'è stagione senza fiori. Se non avete ancora un modello con questa stampa, dovete rimediare subito, perché è un capo davvero versatile: con le sneakers, gli stivaletti o le décolleté, può risolvervi un po' di outfit.
- il little black dress: mai passato di moda, è impossibile non avere un abito nero nell'armadio. Per la prossima stagione invernale si ritorna all'originale, total black e con il colletto e/o i polsini bianchi. 

IMAGES:
©Pinterest & Google Images

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese