Gli outfit da rientro in città

Abbiamo ancora un po' di tempo per goderci le vacanze, ma prima o poi arriverà per tutti il momento di rientrare in città.

Una leggera saudaji (malinconia e nostalgia) ci pervade mentre disfiamo i bagagli. La nostra valigia contiene al suo interno i ricordi di una bella vacanza, qualcosa di vecchio e qualcosa di nuovo: magari dei souvenirs e, sicuramente, qualche capo a cui non abbiamo resistito!

In fondo questo rientro non è poi così triste: possiamo sfoggiare una tintarella invidiabile, insieme al nostro nuovo look metropolitano! Di giorno easy chic e di sera bon ton, per avere un dress-code in sintonia con il luogo o la situazione in cui ci troviamo. La scelta dei colori deve essere assolutamente strategica: i toni caldi dell'arancio e le varie sfumature del marrone esalteranno la tanto sudata tintarella.

La camicia resta un must intramontabile, basta variare modello e colore e il gioco è fatto. Più sbarazzine e informali  quelle con i volants, più stilose quelle classiche, in ogni caso un asso nella manica immancabile. Per le serate un po’ più fresche abbineremo una giacca in lino morbida o un giubbino bomber in tessuto leggero, puntando sui colori della savana, così il nostro viso sarà illuminato dalle nuances che ci ricordano i tramonti in riva al mare.

I pantaloni larghi, in versione lunga o al polpaccio, anche in autunno saranno di tendenza. Indossati con il tacco alto o con il sandalo alla schiava, renderanno più o meno impegnativo l'outfit. Possiamo scegliere modelli a tinta unita o osare con le fantasie; o, ancora, dare un tocco glamour  puntando sulle intramontabili righe verticali.

Da non dimenticare gli accessori: questo autunno le passerelle hanno anticipato orecchini spaiati super colorati, che potremo usare anche in inverno. Le borse poi seguiranno la regola delle tre C: capienti, comode e colorate. Perché la borsa per noi donne è la nostra copertina di Linus, la nostra zona di comfort! E poi ci piace sentirci moderne Mary Poppins: dentro c’è il nostro mondo!

La parola d'ordine deve rimanere sempre e comunque: stile. Avere stile - nell'indossare un capo, nel camminare, nel muoversi, nel parlare,  nel sorridere - è, come diceva Edward Gibbon: “l'immagine della personalità”.



 

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese