Organizzare la borsa del cambio

Quanto è complicato uscire con un bambino piccolo? Certe volte sembra necessario portarsi dietro mezza casa!

E poi tutte le volte chiaramente ci si dimentica proprio quella cosa che ci servirà di sicuro.

Anche voi, come Mary Poppins, avete una borsa in cui praticamente infilate dentro mezza casa?

Per uscire con mia figlia, sin da quando era molto piccola, ho cercato di organizzarmi in modo semplice, adottando la tecnica delle 'borse già pronte', ovvero: una borsa per il cambio, una mini-borsa per la pappa.
Sempre pronte, sempre 'allestite', della serie: prendi il malloppo e scappa. 

Così, quando si torna a casa, se ho usato qualcosa, la sostituisco o la reintegro, in modo che la volta successiva si possa uscire senza perdere un’ora a ripristinare la borsa.

Io uso un sacchetto per ogni cosa: delle mini bustine con la chiusura ermetica, che uso per suddividere le cose dentro la borsa, in modo da non dover rovistare nella borsa mettendo tutto a soqquadro.
La borsa del cambio contiene:
- un asciugamano da usare come 'fasciatoio';
- almeno 4 pannolini di ricambio;
- le salviettine in formato mini, una lavetta di spugna e i fazzolettini di carta;
- delle buste di plastica (per buttare i pannolini o conservare i vestiti sporchi);
- un paio di giochini e un libro per bambini;
- un cambio completo (calzini, body, maglia e pantaloni);
- una copertina piccola (in inverno).

Nella mini-borsa della pappa:
- un biberon piccolo con l’acqua;
- una bustina con tovaglioli, bavaglini e posate;
- il contenitore ermetico con il pranzo;
- la merenda e una cena pronta di scorta.

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese