Bucato ecologico: trucchi bio

Si parla tantissimo di fibre naturali e ne parliamo anche qui su OVSkids, perché è un aspetto davvero importantissimo, ma non si parla altrettanto di come fare un bucato ecologico.

Se su bellissime fibre naturali andiamo a usare terribili prodotti chimici un pò della “magia” scompare e si rischiano irritazioni, soprattutto sulla delicata pelle dei bambini…

Io cerco di coniugare bucato ecologico con comodità e risultati ottimali, diciamo che sono una eco-mamma con un occhio sempre fisso sui tempi da record che bisogna avere al giorno d’oggi.
 
Una delle cose più importanti per lavare bene senza dover usare detergenti chimici aggressivi è la durezza dell’acqua, se l’acqua è mediamente dolce il bucato viene pulito e senza aloni grigiastri anche con poco detersivo ecologico, man mano che l’acqua diventa più dura tutto diventa più complicato.
 
Per quanto importante, questo è l’unico aspetto della questione su cui non possiamo intervenire, possiamo solo prendere atto della cosa e agire di conseguenza.
Al secondo posto per me viene la questione dell’ammorbidente, è proprio l’ammorbidente l’additivo più inquinante per l’ambiente e per la pelle, con un altissimo rischio di irritazioni cutanee anche in persone che normalmente non soffrono di allergie ed intolleranze.
 

Io l’ho completamente eliminato ma, se non potete fare a meno di avere un bucato morbidissimo, ci sono due alternative ecologiche che si possono usare:
 
  • l’aceto di mele, che ha un effetto ammorbidente blando ma una forte azione deodorante, l’ideale per il bucato sportivo, le calze e tutto quello che puzza
  • l’acido citrico (che si compra in farmacia in cristalli) diluito al 20%, per fare all’incirca un litro di soluzione ci vogliono 200 grammi di acido citrico + 800 grammi di acqua.
 
In ogni lavaggio in lavatrice si mette mezzo bicchiere della soluzione scelta,  nella vaschetta dell’ammorbidente.
 
All’ultimo posto metto il detersivo vero e proprio, perché dopo molte prove più o meno empiriche sono arrivata alla conclusione che la soluzione che mi offre la maggior comodità con il minor impatto ecologico è quella di utilizzare un semplicissimo detersivo eco-bio, ormai si trovano dappertutto e si possono anche “studiare” (per scegliere quello più naturale) ed acquistare online.

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese