Giochi d'acqua come una volta

I giochi di una volta: giocare con l’acqua in estate, all’aperto.

Lunghi pomeriggi estivi assolati, a giocare nei parchi o nei cortili. Possiamo rifarlo ancora oggi con i nostri figli, se vogliamo, rispolverando i nostri vecchi giochi d’acqua, quelli che facevamo da bambini!
C’erano i gavettoni, che non sono mai passati di moda: piccoli palloncini che si gonfiano con l’acqua, e si tirano per gioco, per rinfrescarsi e giocare a rincorrersi.

Possiamo utilizzarli in modo del tutto libero, oppure organizzare giochi strutturati: per esempio passarsi i gavettoni in cerchio e giocare a chi riesce a prenderlo senza farlo scoppiare; o giocare alla pallavolo bagnata o ai 10 passaggi, tirandosi i gavettoni attraverso una rete improvvisata.
I giochi d’acqua vanno benissimo anche per i bambini piccoli. Possiamo iniziare dai giochi Montessori come i travasi di liquidi, in cui i bambini travasano i liquidi da un recipiente all’altro, oppure li spostano imbevendo e strizzando una spugnetta.

Oppure possiamo mettere in giardino la classica piscina per bambini, o una bacinella, e lasciare loro a disposizione dei piccoli contenitori con cui travasare l'acqua.
Non dimentichiamoci i giochi legati alla vita pratica: annaffiare le piante, curare l’orto o il giardino, irrigare le piantine di verdura appena seminate… proprio come facevamo noi da piccoli quando scendevamo nell’orto insieme ai nonni. Non è forse un gioco anche questo?

Se abbiamo un giardino o uno spazio condominiale, possiamo proprio esagerare: così come si faceva una volta, possiamo dare ai bambini dei secchi e dei recipienti per giocare a tirarsi l’acqua, o persino la pompa del giardino.

Ma se non vogliamo sprecare acqua inutilmente, c’è l’attività che più di tutte abbiamo noi stessi amato nell’infanzia: lavare la macchina dei nostri genitori. Un gesto utile e anche molto rinfrescante.

Diamo ai bambini le spugne e il sapone per auto, e lasciamo che si bagnino e giochino a lavare l’auto per lungo tempo: la nostra macchina sarà bella linda, e loro si saranno rinfrescati per bene.

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese

Ti potrebbe interessare anche