Ritmi e abitudini dopo le vacanze

Tornare al lavoro e a scuola dopo le vacanze estive è dura per tutti, sia adulti che bambini!

Bisogna riprendere i giusti ritmi per tornare alle giornate organizzate e scandite da impegni e appuntamenti vari e soprattutto bisogna ristabilire orari e abitudini corrette come l’andare a dormire presto, necessari per poter affrontare con grinta le lunghe mattine a scuola e i pomeriggi carichi di attività e sport!

Molto spesso è proprio il dover ricominciare a rispettare orari e sveglie che crea più difficoltà dopo le vacanze, ecco perché è importante ristabilire le buone abitudini già alcuni giorni prima dell’inizio della scuola e permettere così ai bambini di riabituarsi ai giusti ritmi con calma e senza fretta.

Ecco cosa fare:
- Andiamo a letto presto: non siamo più in vacanza e l’orologio non può essere più dimenticato in un cassetto! Se in estate eravate soliti andare a dormire tardi, cominciate ad anticipare l’ora della nanna di circa mezz’ora ogni sera fino ad arrivare all’orario che ritenete necessario rispettare durante l’anno scolastico e lavorativo.
- Facciamo un breve sonnellino pomeridiano: riposare 15-20 minuti nel pomeriggio può aiutare i bambini ad affrontare meglio la stanchezza e i nuovi ritmi post-vacanza; anche se il riposino pomeridiano non è un abitudine che avete avuto durante le ferie e che non potrete portare avanti durante i mesi invernali, offrire un momento di relax ai bambini in questo periodo di transizione dai ritmi estivi agli orari scolastici, può essere di grande aiuto.

- Impostare la sveglia al mattino: in vacanza la sveglia è sicuramente la prima cosa che buttiamo via e che non vogliamo sentire suonare per giorni! E’ arrivato il momento di ricominciare a svegliare i bambini al mattino proprio come facciamo durante i giorni di scuola; durante le vacanze siamo abituati a svegliarci quando il corpo è pronto ma riprendere i giusti ritmi e rispettare determinati orari nell’andare a dormire vuol dire proprio questo: portare il corpo a riposare abbastanza da svegliarsi già qualche minuto prima del suono della sveglia!

Un altro aspetto importante è la sensazione di tristezza che a volte accompagna il ritorno alle vecchie abitudini: i bambini non lo esprimono con le parole quindi è fondamentale cogliere i segni di questo loro malessere come ad esempio una certa apatia, capricci continui, sbalzi d’umore e difficoltà nel dormire. Supportiamo i nostri bambini, ascoltiamo le loro preoccupazioni, rassicuriamoli e continuiamo a mantenere viva la connessione tra noi, non passiamo repentinamente da giornate piene di attività con loro, momenti di svago con tutta la famiglia a giorni in cui a malapena riusciamo a pranzare tutti insieme!

Darsi e dare delle regole è fondamentale per vivere il momento del rientro alla vita quotidiana senza fatica e senza preoccupazioni!

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese