Riciclo abiti fra fratelli

Per il primo figlio,si sa, è un continuo comprare abiti, tutine, body (nel caso 6-7 al giorno non bastassero), calzine e chi più ne ha più ne metta!

Tutto questo comincia mesi prima della nascita e continua così per almeno i primi 3 anni di vita!
Per poi rendersi conto che non si ha il tempo di indossare tutti quei vestiti perché i bambini crescono in fretta o semplicemente perché i bodyni si possono lavare e riutilizzare!!! 

Quando arriva il secondo figlio si pensa se sia giusto o sbagliato comportarsi diversamente acquistando meno e riciclando i vestiti del primo figlio!
Io penso che sia assolutamente normale andare a ripescare abiti e indumenti dagli scatoloni perché per la maggior parte saranno cose usate pochissimo, come nuove e ancora in ottimo stato.

Riciclare tutto è impossibile per via delle diverse stagioni in cui nascono i bambini e per il fatto che alcuni biti sono legati ad un particolare momento o occasione ed è bello che rimangano “di proprietà” di quel figlio piuttosto che dell’altro!

Il riciclo inoltre offre, secondo me, la possibilità di organizzare meglio il guardaroba: ritrovandoci di fronte a pile di vestiti saremo costretti a sistemarli e dividerli per età, stagione, momento della giornata ... in questo modo ci balzeranno subito agli occhi eventuali pezzi mancanti e potremo così fare acquisti mirati e ben pensati!
Gli indumenti che sono difficili da riciclare sono i capispalla come giubbotti e cappottini perché sono quelli utilizzati maggiormente, per più tempo (quindi rovinati e sciupati) e che passano velocemente di moda. 

Quando un figlio cresce ci si ritrova con tantissime cose da dover mettere via, dai vestiti ai giocattoli, e questo, oltre a creare un certo senso di tristezza per tutte quelle belle cosine che non avranno più una vita, richiedono anche un grande scantinato dove poter riporre scatole e scatolette! Quindi per ovviare al problema quale miglior modo se non riciclarle in occasione dell’arrivo di un altro figlio o magari regalandole al nipotino o alla nostra amica in dolce attesa? 

Riciclare? Fortissimamente si!

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese