Nativi digitali e giochi del passato

I bambini di oggi sono nati nell'epoca delle tecnologie digitali, mentre per noi adulti sono strumenti arrivati in seguito...

A me fa strano quando un genitore si meraviglia positivamente di come il figlio a soli 3 anni giochi con uno smartphone: “così piccolo e già ha capito come si usa!”. Ma come ci si fa a stupire se i bambini hanno avuto fin da piccoli questi strumenti in mano, a me sembra più che normale che loro li sappiano adoperare e sappiano giocare con queste tecnologie che poi sono abbastanza intuitive e immediate! 

Bisognerebbe anzi rimanere particolarmente colpiti quando un bambino riesce a comporre velocemente i pezzi di un puzzle o a mettere insieme i pezzi di un trenino seguendo solo l’immagine (cose per cui anche noi adulti abbiamo bisogno di un po’ di tempo!)

Secondo me tutti i bambini apprezzano di più i giochi classici ai giochi digitali, è solo che tante volte per comodità o mancanza di tempo si preferisce dare loro in mano un videogioco piuttosto che portarli al parco o aiutarli nella realizzazione di un disegno e questo, col passare del tempo, porta i nostri figli ad identificare il gioco solo con questi strumenti digitali.
Per me tutti i bambini conoscono il vero significato del gioco, basta solo indirizzarli e aiutarli nello scoprire giochi nuovi e passatempi divertenti e perché no, anche istruttivi.
I videogiochi, o comunque tutti i giochi digitali, portano ad un allontanamento dalla realtà perché i bambini tendono ad immedesimarsi nei personaggi e nei luoghi che vedono ed inoltre li portano ad un progressivo isolamento dato che, per lo più, sono giochi che si fanno da soli, chiusi nelle loro camerette. E poi, non dimentichiamo che i bambini hanno bisogno di movimento: correre, saltare e arrampicarsi aiuta lo sviluppo della muscolatura e soprattutto fa bruciare calorie a differenza dei giochi sedentari che potrebbero anche portare i nostri figli ad avere problemi di peso.

Io mi sento di dire che la tecnologia è sicuramente di fondamentale importanza nella vita dei nostri figli, ma è bello che il gioco rimanga ancora legato alle nostre vecchie abitudini: una semplice partita a calcetto o una scampagnata sapranno soddisfare i nostri bambini e stimolare la loro curiosità verso il mondo che li circonda più di quanto possa fare uno strumento tecnologico!

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese

Ti potrebbe interessare anche