Stagione dell'opera un'esperienza!

Per sentirsi come Vivian in Pretty Woman

Se l’articolo su New York e il balletto ha stuzzicato la vostra voglia di opera, ricordatevi che siamo fortunati: il mondo invidia la nostra offerta culturale e il teatro ne fa parte a pieno titolo. Le nostre città sono ricche di meravigliosi piccoli e grandi teatri, dove le stagioni si susseguono, grazie al non semplice lavoro dei direttori artistici. Ad esempio, la stagione d'Opera del maggio fiorentino. Così come in questo periodo fioriscono i gigli, a Firenze sbocciano le opere puramente strumentali, il balletto e la commedia.

A proporre proiezioni e spettacoli non è solo la bellissima città toscana ma anche le altre località dello stivale. Ad esempio il Teatro Stabile di Vicenza, “La Piccionaia”, offre una serie di spettacoli di teatro sperimentale da non perdere. Qualsiasi sia il vostro desiderio, basterà formularlo su Google e davanti a voi fioriranno una distesa di spettacoli, danze e colori: La Scala di Milano, il teatro Duse di Bologna, il Teatro Augusteo di Napoli, ...


Un'esperienza da provare, perché andare all’opera contempla l’ascolto della musica, la meraviglia delle scenografie, la maestosità delle architetture dei teatri, l'accoglienza delle città che custodiscono questi piccoli tesori. Una scusa per indossare un abito da sera per sentirsi un po' Vivian e sentirsi dire “La reazione della gente che vede l’opera per la prima volta è molto drammatica, o l’amano o la detestano e se l’amano, l’amano per sempre altrimenti impareranno ad apprezzarla ma non la sentiranno mai veramente”, per citare l'affascinante Eduard, al secolo Richard Gere, in Pretty Woman.

© Photos & link
Teatro dell'Opera, Roma, Francesca di Majo

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese