Unwearable & wearable

Evoluzione di abiti-architettura

Marga Weimans, stilista a capo dell'omonima casa internazionale di moda che spazia in ambiti affini, ha presentato ad Amsterdam la sua collezione “Atelier” per la SS 2015. Rimanendo fedele a sé stessa ha interpretato con i suoi abiti volumi più tipici di architettura e design ma con maggior leggerezza e versatilità rispetto agli abiti-scatola della precedente collezione “Body archive” o “City life” nella quale oltre ai tessuti utilizzava legno e ferro per creare delle sovrastrutture più simili sia a complementi d'arredo che ad accessori. 

In passerella spiccano gli abiti che ci ricordano l'opera più famosa dell'architetto Frank O. Gehry, il museo Guggenheim Bilbao. Ma la sfilata continua e cede il passo a una maggior vestibilità. Marga si avvicina al wearable fashion con tuniche per nulla banali perché rese dinamiche attraverso tagli dai quali sbucano irregolari sbuffi di tessuto.






© Photos: 

Marga Weimans

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese