TOP 10 libri in spiaggia

Cosa leggere sotto l'ombrellone

La scelta del libro da portare in spiaggia è importantissima soprattutto se è uno dei pochi momenti dell'anno che riuscite a ritagliarvi per immergervi nella lettura quindi bisogna andare sul sicuro, e calcolare bene i tempi.
Ecco alcuni suggerimenti:

1- Tascabili. Un libro corto può essere un grande libro, denso di riflessioni. Scegliere qualcosa come "L'arte della guerra" di Sun Tzu, "Siddharta" di Herman Hesse o "Lo straniero" di Albert Camus significa arrivare a sera più abbronzati e più ricchi.
2- Racconti. Stando sempre sul romanzo potreste leggere un libro che al suo interno racconta più storie. Ogni sera avrete concluso la storia di un personaggio e, nell'arco di una settimana potreste scoprire che erano tutti legati tra loro!  I capolavori di questo filone sono "Dieci dicembre" di Geroge Saunders, "Il tempo è un bastardo" di Jennifer Egan e "North-West" di Zadie Smith.
3- Graphic Novel. Un romanzo a fumetti ha il pregio di essere visivamente "leggero" come un fumetto ma autoconclusivo come un romanzo. Tra i capolavori di questo genere da non perdere "Maus" di Spiegelman, "Asterios Polyp" di David Mazzucchelli o l'ultimo fenomeno Zero Calcare.
4- Tratto da... Potrebbe essere smart leggere il libro dal quale è stato tratto un film che avete visto o una serie che state seguendo, sia per cogliere le differenze (la serie "Dexter" differisce sempre più dai libri tanto che poi si distacca completamente) sia per riaccendere la passione (chi non si è appassionato a "Downton abbey" tanto da voler rivivere nell'Inghilterra di inizio secolo come nel libro "Ai piani bassi"). Di positivo c'è che se anche non doveste riuscire a finirlo in tempo sapete comunque come si conclude la storia.
5- Lettere. Una lettera ha notoriamente una lunghezza breve e può essere molto intima e appassionante. Non dico di leggere la corrispondenza epistolare tra matematici del '900!
"L'arte delle lettere. 125 corrispondenze indimenticabili" edito da Feltrinelli potrebbe darvi delle soddisfazioni. 
C'è una lettera che, in termini di prolissità, fa eccezione è "De Prdofundis" di Oscar Wilde ma vale ogni singola parola.
6- Poesie. Procuratevi un libro con raccolte poesie. Spesso sono accomunate da uno stesso autore, genere o argomento. 
7- Be update. "Facebook for dummies". Un bagno di umiltà. Tutti noi siamo ferrati in certi argomenti e troviamo altri alieni, la tecnologia ad esempio. E' giunto il momento di aggiornarci e mettersi al passo con un bel libro-tutorial.
8- Moda e turismo. Una chiave molto carina per unire l'utile al dilettevole in vacanza è quello di pianificare attraverso una guida la vacanza fashion ideale. Dopo il trend dei romanzi "I love shopping..."  la moda viene declinata in guida turistica per avere il look giusto e visitare i posti giusti. Quindi spazio a "La parigina", "La berlinese", "La milanese chic", ...
9- Biografia. Che sia uno sportivo (ciclista, calciatore, ...), un musicista o un personaggio storico. Che sia autorizzata o no. La biografia è sempre interessante nel rivelarci dettagli e retroscena che non immaginavamo... altrimenti che biografia sarebbe!
10- Autobiografia di nuovo genere. Non un genere che non avete ancora affrontato ma un genere che sta facendo capolino nel panorama della letteratura: l'autofiction della meraviglia. Auspicata da David Foster Wallace, la generazione che ha imparato a rendere meraviglioso il quotiano è arrivata. "Nel mondo a venire" di Ben Lerner, "Gli anni" di Annie Ernaux e "L'arte di collezionare mosche" di Fredrik Sjöberg. Vi consiglierei anche il caso editoriale svedese  "La mia lotta" di Karl Ove Knausgård ma sono sette libroni che scorrono lentissimi e per leggerli dovreste passare una vita in vacanza tra Svezia e Norvegia perché non sono ancora stati tradotti tutti. 

Ti piace scrivere?

Candidati per diventare OVSWRITER e
firmare il prossimo articolo del Magazine OVS.

Candidati
Condividi sui social questo post e contribuisci alla creazione dell'e-zine OVS del mese